Diventa cliente METRO

Richiedi la tessera

Happy Hour Green

L'aperitivo all'italiana rappresenta un fenomeno al quale assistiamo ormai da quasi un decennio. L'happy hour è un piacevole appuntamento quotidiano, in cui si ha la possibilità di bere un drink e di gustare affettati, formaggi, sottaceti, pasta, tartine, pizzette e tramezzini.
A volte l'aperitivo arriva a sostituire la cena, entrando in una fascia ibrida di consumo che viene definita aperi-cena, ricercata e creativa, che soddisfa una clientela esigente in fatto di gusto e innovazione, ma attenta al prezzo.
Se l'aperitivo è ormai il momento più in voga nelle nostre città per rilassarsi dopo il lavoro, distendere i nervi e socializzare, il nuovo lifestyle rivolto al "bio" e alla sostenibilità porta ad una maggiore attenzione nei confronti della qualità e degli aspetti nutrizionali degli alimenti.
Per questo nell' allestimento del bancone dell' happy hour non possono mancare:

  • frutta e verdura fresche, perchè conservano inalterate le vitamine e gli antiossidanti;
  • carni bianche grigliate, che sono più magre e hanno una maggiore proporzione di fosfolipidi rispetto alle carni rosse;
  • spiedini a base di verdura e formaggio magro;
  • frutta secca, particolarmente ricca di sali minerali e vitamine;
  • analcolici a base di frutta fresca, preparati miscelando ai succhi d'arancia, d'ananas o di mandarino, succo di carota con soda e ghiaccio. La bevanda "green" è infatti esclusiva, trendy e diversa.

L'aperitivo green: qualche consiglio

  • Cosa non può mancare?

    Per realizzare un aperitivo green devi introdurre nella tua offerta prodotti freschi e sani, poco calorici ma che non lascino nulla a desiderare in fatto di gusto e sapore. Frutta e verdure fresche non possono mancare, perché conservano inalterate tutte le preziose vitamine e gli antiossidanti. Puoi anche offrire carni bianche grigliate, più magre rispetto a quelle rosse e con una maggiore concentrazione di fosfolipidi, un tipo di grassi che hanno proprietà benefiche. Come dimenticare poi gli spiedini di formaggio magro e verdure? Da bere invece puoi proporre analcolici a base di frutta fresca preparati miscelando ai succhi di vari gusti con soda e ghiaccio. La bevanda "green" è infatti esclusiva, trendy e diversa.

  • L'aperitivo ecosostenibile

    Hai mai pensato a quanti rifiuti si producono durante un aperitivo? Piatti, piattini, forchette e posate di plastica finiscono tutti all'interno del sacco dell'immondizia. Se vuoi realizzare un vero aperitivo green, devi pensare anche all'aspetto eco sostenibile di tutto ciò che i tuoi clienti usano. Se non hai tovaglie e coperti lavabili, ti consigliamo assolutamente di utilizzare prodotti riciclabili, biodegradabili e a basso impatto ambientale. Hai mai sentito parlare di piatti, posate e bicchieri in bioplastica? Sono prodotti con amido di mais, totalmente compostabile, o in polpa di cellulosa, un particolare materiale ottenuto dagli scarti di lavorazione della canna da zucchero. I tuoi clienti sapranno sicuramente apprezzare questi piccoli accorgimenti!

  • La filiera corta: prodotti a km zero

    Un altro consiglio che possiamo darti per realizzare un aperitivo eco-salutista è di prendere in considerazione tutti i passaggi della filiera agroalimentare che riguardano i piatti che stai servendo. Prodotti locali, tipici, tradizionali, a km zero, biologici o biodinamici, sapranno sicuramente differenziare la tua offerta rispetto alla concorrenza. Non dimenticare però di comunicare la qualità delle tue materie prime ai clienti! Per fare ciò puoi utilizzare i menu e tutti gli altri strumenti di comunicazione del tuo locale, senza dimenticare i camerieri! Hai una pagina Facebook? Puoi utilizzarla per comunicare l’origine della tua materia prima e attrarre più clienti.


Per abbattere i costi ed evitare inutili sprechi è fondamentale prestare maggior attenzione sia al food che al beverage:

  • Food: sono molti i clienti che scelgono di fare l’aperitivo in un bar invece che in un altro dopo aver valutato il buffet. Allestire una buona proposta gastronomica vuol dire dare un valore in più che sarà decisivo nella scelta del locale
  • Beverage: durante l' aperitivo le bevande più consumate sono vino, seguito da birra e bevande analcoliche.Uno dei modi più efficaci per abbattere i costi delle bevande, è offrire dei menu drink abbastanza ristretti (i cocktail più bevuti sono poco più di una decina) e diversificarli con l'uso di un ingrediente diverso ogni volta, creando varianti dello stesso cocktail. Stesso concetto vale anche per il vino: non proporre una carta troppo vasta permette di gestire un numero limitato di bottiglie aperte. Attenzione ovviamente alla qualità ed al rapporto con il prezzo.
happy-hour-green-02

Prodotti che ti potrebbero interessare