Diventa cliente METRO

Richiedi la tessera

In ladino viene chiamato Spretz Tzaorì che significa “formaggio saporito”, ed è proprio questa la prima qualità che contraddistingue il Puzzone di Moena.


Altri formaggi del Trentino Alto Adige


  • Medaglie al valore

    Tipico della Val di Fassa, della Val di Fiemme e della Valle di Primiero in Trentino Alto Adige, il Puzzone ha conquistato la DOP nel 2013 ed è anche un formaggio del Presidio Slow Food, contraddistinto dal marchio "M" di Malga, poiché prodotto con il latte d’alpeggio.

    Il Puzzone di Moena è un formaggio a latte intero, a pasta semicotta, salato in salamoia. Il suo segreto, paradossalmente, è che si lava tantissimo. Durante la stagionatura, infatti, deve essere girato e bagnato con l’acqua anche fino a sette mesi di tempo.

  • L’abito non fa il monaco

    Ciò che contraddistingue questo formaggio è l’aroma: la crosta vanta uno strato untuoso che già dal taglio lascia sprigionare tutta la sua personalità complessa. Alcuni la chiamano "puzza", da qui deriva l'introduzione negli anni Settanta del nome "Puzzone".

    A questo odore particolarmente apprezzato dagli intenditori si unisce un sapore davvero inebriante, che raccoglie in sé tutte le essenze alpine, dall’erba alla frutta. Il merito è dell'eccellente latte crudo di vacche selezionate con cui viene realizzato.

  • Anima festaiola

    Il Puzzone è un formaggio grasso che si abbina benissimo con i vini corposi, magari rossi, specialmente in una degustazione importante. Si può servire come formaggio da tavola ma non è da sottovalutare l’abbinamento con la polenta, le patate e gli gnocchi!

    In Trentino è venerato come un re, tanto che Moena gli dedica un Festival in autunno, dove il Puzzone diventa protagonista di giochi, degustazioni, aperitivi e spettacoli, tutti volti ad esaltare la indubbie qualità di questo gioiellino gastronomico.



Forse hai bisogno anche di...

Servizi e assistenza