Diventa cliente METRO

Richiedi la tessera

Bagòss, un formaggio legato alle proprie radici, realizzato con un latte vaccino d’eccellenza, e un ingrediente segreto.


Altri formaggi tipici lombardi


  • Un formaggio radicato

    Gli abitanti di Bagolino, comune dell'Alto bresciano, si chiamano Bagossi: si capisce facilmente perché il formaggio prodotto in Val di Caffaro abbia assunto questo simpatico nome! La denominazione indica anche il senso di forte appartenenza territoriale che viene attribuita al prodotto.

    Il Bagòss di Bagolino è un formaggio a pasta cruda, prodotto con latte parzialmente scremato. Principalmente è un ottimo formaggio da tavola, anche se localmente viene appellato "Il Grana dei Poveri", proprio perché si sposa bene anche con la grattugia.

  • La componente inaspettata

    Il latte crudo di vacca, durante la rottura della cagliata, viene unito ad un cucchiaino di zafferano, ricordato anche dal colore della crosta dopo i numerosi mesi di stagionatura (fino a 36): un bel bruno-ocra baciato dall'olio di lino crudo. La pasta è consistente e granitica.

    Il Presidio Slow Food prevede almeno 18 mesi di stagionatura. Aderiscono sei produttori, che ancora seguono rigorosamente le tecniche tradizionali della lavorazione, usando fuoco a legna e pentoloni di rame, e nutrendo gli animali con l'eccellente fieno locale.

  • Miele e Vino Rosso

    La stagionatura regala al Bagòss l'odore persistente dello zafferano e un sapore lievemente piccante. Le note di noce e castagno lo rendono un compagno perfetto per il miele, specialmente quello di melata o di tiglio: quest'ultimo lo contrasta con i suoi sentori balsamici.

    Parlando di vino, bisogna assolutamente presentare il Bagòss con un bel rosso, magari il Rosso Montalcino Doc, che ne esalta il sapore deciso. Certo, se ti capita tra le mani un Bagòss ben stagionato, dovrai puntare senza esitazione su un Alto Adige Lagrein DOC riserva.



Forse hai bisogno anche di...

Servizi e assistenza